appropriarsi di files altrui

La sottrazione di “files” mediante duplicazione integra il delitto di appropriazione indebita

Cassazione Penale, Sezione Seconda, Sentenza n. 11959 ud. 07/11/2019 – deposito del 10/04/2020

Secondo la Suprema Corte integra il delitto di appropriazione indebita la sottrazione definitiva di “file” o “dati informatici” attuata mediante duplicazione e successiva cancellazione da un personal computer aziendale, affidato all’agente per motivi di lavoro e restituito “formattato”, in quanto tali “dati informatici” – per struttura fisica, misurabilità delle dimensioni e trasferibilità – sono qualificabili come cose mobili ai sensi della legge penale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Condividi questo articolo